IGOR

Nato sotto il segno del Cancro a Catania il 12 luglio 1976.

Insieme a Salvo Guarnera sono uno dei fondatori del gruppo.

Dotato di un ottimo senso dell’umorismo e dell’ironia, ottimo conversatore, oltre a fare il batterista all’interno del gruppo mi occupo della parte manageriale, amministrativa e delle pubbliche relazioni con la stampa.

Insieme a Salvo curo anche le coreografie e le scenografie dei concerti. Sul palco sono circondato, “meglio sommerso” da una montagna di ferri…del mestiere. In concerto non mi tiene nessuno, sono una vera furia umana. Non riesco a limitarmi, a risparmiarmi, se non ce la metto proprio tutta non mi sento soddisfatto. Il mio punto di riferimento è Stefano D’Orazio mitico batterista dei Pooh. Posso dire che Stefano è stato e sarà sempre il mio modello di riferimento nella musica e nella vita.

E’ anche grazie a lui e alla sua musica

se sono cresciuto con dei sani principi.

La prima volta che lo vidi suonare fu nel 1986; rimasi colpito dal modo in cui suonava la batteria. Infatti il giorno dopo presi le pentole da cucina di mia nonna e mi diedi alla pazza gioia. Da quel momento in poi iniziavo a vivere un sogno, mentre i miei vicini iniziarono a vivere un incubo.

Ricordo ancora i miei goffi tentativi nel fare musica con la mia prima batteria piazzata nel salotto di casa e con i vicini che mi suonavano alla porta lamentandosi perché con le vibrazioni gli si svitava la lampadina del lampadario. Imitavo Stefano in tutto e per tutto, pure nell’abbigliamento. Adesso a distanza di anni quelle persone si ricordano di me come: “il batterista dei Pooh!” e mi fanno un sacco di congratulazioni.

La tecnica D’Oraziana ormai fa parte del mio DNA. Con Stefano siamo amici da tanti anni, diciamo che mi ha visto crescere e oltre a vederci ai suoi concerti, ci sentiamo anche telefonicamente. Lo tengo sempre informato sul gruppo e da buon amico riesce a darmi sempre ottimi consigli per affrontare al meglio il difficile mondo dello spettacolo… Grazie Stefano!

Igor (dei Parsifal)

igor@iparsifal.eu

 

Condividi